AdobeStock_336310086.jpeg

ALTRI PROGETTI PER RIFUGIATI IN TRENTINO

Ai progetti ministeriali, nel tempo abbiamo affiancato una serie di progetti con finanziamenti diversi che chiamiamo di Terza Accoglienza, ai quali accedono i rifugiati che hanno già intrapreso un percorso di inclusione economica e sociale ma hanno ancora bisogno di un supporto per inserirsi a pieno titolo nella comunità e sostenersi autonomamente. Le tipologie dei progetti di Terza Accoglienza sono svariate, si situano in vari territori e rispondono a bisogni diversi.

 

In particolare, la Terza Accoglienza che chiamiamo “ordinaria” offre ai rifugiati un alloggio e il supporto leggero di un operatore sociale per un periodo di tempo che va dagli 8 ai 12 mesi. Gli accolti, che sono lavoratori, partecipano alle spese dell’alloggio.

 

Un’altro tipo di Terza Accoglienza è il progetto S.E.I.: Servizi di Empowerment Inclusivi per nuclei e vulnerabili titolari di protezione internazionale, in concerto con il Comune di Trento accoglie nuclei famigliari e mono-genitoriali titolari di protezione internazionale che si trovano in una condizione di disagio abitativo e di fragilità sociale ed economica, valutata caso per caso dal Servizio Sociale.

 

In partenership con il Comune di Trento, oltre che con altri svariati enti territoriali è il  progetto ALICE - Autonomia, Lavoro, Inclusione, Casa ed Empowerment per persone in condizione di vulnerabilità provenienti da Paesi Terzi, che accoglie persone in condizione di vulnerabilità residenti e domiciliate nel Comune di Trento.


L’ultimo tipo di Terza Accoglienza è il cohousing in Casetta Bianca, che unisce due fragilità che, in una dimensione domestica molto affine ad un legame di tipo familiare, si sostengono vicendevolmente.