VOLONTARI

Cosa facciamo ?

Il volontariato è la chiave per costruire la cittadinanza del futuro perché una volontaria o un volontario possono rappresentare un ponte tra la marginalità di chi arriva e la restante società civile. In loro, più che nel migliore degli operatori, c'è il potenziale frutto dell'integrazione che rompe il muro dell'indifferenza e crea una rete valorizzando le persone accolte. In queste figure, si incarnano infatti la solidarietà e la relazione, le quali attraverso le diverse forme di volontariato si possono trasformare da concetto astratto della democrazia a visibile volto della collettività di domani.

Una comunità intera

uci copertina

Iscriviti alla newsletter

 
 

Nel 2018, il Centro Astalli Trento ha collaborato con una settantina di volontari e volontarie: persone di ogni età e diverse provenienze, disponibili a condividere un pezzo di strada a fianco di richiedenti asilo e rifugiati: nelle attività quotidiane con le persone richiedenti asilo e rifugiate la presenza dei volontari fa la differenza! Ai nuovi volontari e volontarie è offerto un corso di formazione per conoscere e capire il contesto in cui si trovano. È un’occasione preziosa per raccontare la quotidianità del lavoro degli operatori e condividere uno stile: “accompagnare, servire, difendere”. Il Laboratorio migrante è invece uno spazio di cittadinanza attiva per pensare e agire. Nell’edizione 2018 è stato approfondito il tema dei muri nel mondo; alla fine del percorso i volontari e le volontarie hanno ideato e realizzato un’azione di cittadinanza in centro a Trento, in cui hanno “ostacolato” e coinvolto i passanti in una riflessione collettiva: “Dai muri fisici ai muri mentali: e tu, che muro vuoi abbattere?”. In Africa dicono che per crescere un bambino ci vuole un intero villaggio. L’ idea di accoglienza del Centro Astalli è molto simile. Quando la famiglia siriana accolta con il corridoio umanitario è arrivata a Trento, si è attivato uno straordinario lavoro di rete. Nell’integrazione della famiglia è stata coinvolta la comunità del quartiere a partire dalla parrocchia. Dall’aiuto compiti per i bambini ai passaggi in auto per fare la spesa, sono fioriti piccoli grandi gesti di pace, degni di quell’Europa che si dice faro dei diritti. E poi, in agosto 2018, 15 giovani hanno partecipato ad un campo estivo sui temi delle migrazioni forzate e della legalità. In una settimana, i partecipanti, insieme ad alcuni coetanei rifugiati, hanno rimesso a nuovo alcuni locali di Casa S. Francesco. La giornata tipo prevedeva una parte di lavoro pratico e di gioco, e un’altra di confronto e riflessione. Insieme, per sporcarsi le mani e muovere pensiero. Questo fanno i lottatori di speranza. Anche nel 2018 è proseguito l’appuntamento settimanale delle conversazioni in italiano, portato avanti da un gruppetto di persone italiane e straniere. Ogni settimana è un piacere ritrovarsi; si parla di tutto, a volte si gioca, a volte si mangia, spesso si ride, ogni scusa è buona per imparare l’italiano in compagnia. Un’ora e mezza di parole che parlano della ricchezza inaspettata che possiamo scoprire nell’altro. Cosa può fare un volontario con il Centro Astalli? Conversazioni in italiano, affiancamenti per lo studio o il tempo libero, laboratori di orientamento al lavoro, orti, sartoria, laboratori di ceramica o pittura murale, attività di sensibilizzazione nelle scuole… ognuno può trovare il suo posto. Basta una persona per avere speranza, bisogna essere in tanti per tenerla viva!

Il "Sito" (centroastallitrento.it) utilizza i Cookie per rendere i propri servizi semplici e efficienti per l’utenza che visiona le pagine di centroastallitrento.it. Gli utenti che visionano il Sito, vedranno inserite delle quantità minime di informazioni nei dispositivi in uso, che siano computer e periferiche mobili, in piccoli file di testo denominati “cookie” salvati nelle directory utilizzate dal browser web dell’Utente. Vi sono vari tipi di cookie, alcuni per rendere più efficace l’uso del Sito, altri per abilitare determinate funzionalità.