PROGETTI

Cosa facciamo?

Dall'immaginazione di operatori e volontari, associazioni partner ed istituzioni riempiamo di contenuti l'area progetti del Centro Astalli Trento per trasformare l'accoglienza da servizio ai bisogni di chi arriva ad opportunità comune per i desideri di tutti.

Officina de l'ùcia

logo sartoria CENTRO ASTALLI

 

Il progetto Con_tatto

-

Informati!

1504168922420.JPG papa francesco

PROGETTI min

La descrizione del servizio

PROGETTARE

L’area progetti del Centro Astalli Trento è nata con l’obiettivo di trasformare l’accoglienza da un servizio ai bisogni di chi arriva a delle opportunità di investimento sui desideri di tutti.

A partire da stimoli interni ed esterni, e dunque dall’immaginazione di operatori e volontari, ma anche di associazioni partner ed istituzioni, l’equipe di lavoro dell’area progetti si occupa di reperire attraverso i bandi attivi le risorse utilizzabili per sostenere a livello economico le nuove progettualità proposte e di creare gruppi e reti di lavoro con i partner del territorio adatti per l’avvio di progettazioni partecipate.

Il lavoro dell’equipe progettazione coinvolge in maniera diretta tutti gli operatori dell’associazione in attività trasversali: l’area non si occupa di portare avanti ogni progettualità specifica a livello pratico, ma una volta ideato e presentato il progetto, questo viene portato avanti da un gruppo di lavoro che si occupa anche di gestire le questioni economiche.

 

lavarone

NESSUNO ESCLUSO. È questo il titolo del progetto sostenuto dal Piano Giovani di Zona, dalla Magnifica Comunità, dai Comuni di Folgaria, Lavarone e Luserna e dalla Provincia autonoma di Trento che da fine ottobre ha attraversato i comuni degli Altipiani Cimbri per parlare con i giovani e la comunità di immigrazione e di accoglienza al di là degli stereotipi.

 

innesti24febfb

È giunto alla sua conclusione “Innesti di Cittadinanza”, un progetto iniziato a fine 2016 grazie ad un finanziamento della Fondazione Cassa di Risparmio di Trento e Rovereto che ha avuto per protagonisti Ibrahim e Tijane, due ragazzi rifugiati che hanno collaborato con il Centro Astalli Trento, l’azienda agricola biologica Biovallelaghi e la cooperativa sociale Forchetta & Rastrello.

Il progetto, nato con l’obiettivo di accompagnare i partecipanti verso la realizzazione di una filiera di produzione in grado di mettere in relazione le attività di un’azienda agricola biologica e quelle di un laboratorio artigianale, ha portato i ragazzi a conoscere e padroneggiare tanto le tecniche di recupero di superfici agricole abbandonate attraverso la coltivazione di ortaggi ed erbe officinali in maniera tradizionale, quanto il processo di produzione e trasformazione dei fiori precedentemente coltivati in saponette biologiche e sostenibili per l’uomo e per l’ambiente.

A conclusione del loro percorso, è stata organizzata presso la caffetteria Barone, il bar del Castello del Buonconsiglio, una festa di presentazione del progetto e vendita dei suoi prodotti: saponette alla malva e alla calendula, oleolito di calendula, sacchettini di malva, calendula e menta per infusi. Il tutto è stato accompagnato da un ricchissimo aperitivo con il quale si sono potuti degustare alcuni dei buonissimi prodotti dell’azienda agricola biologica Biovallelaghi.

 

saponette

 

Per avere ulteriori dettagli sui prodotti, o per acquistarli, scrivere a Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.

I prodotti dell'officina de l'ùcia

Il "Sito" (centroastallitrento.it) utilizza i Cookie per rendere i propri servizi semplici e efficienti per l’utenza che visiona le pagine di centroastallitrento.it. Gli utenti che visionano il Sito, vedranno inserite delle quantità minime di informazioni nei dispositivi in uso, che siano computer e periferiche mobili, in piccoli file di testo denominati “cookie” salvati nelle directory utilizzate dal browser web dell’Utente. Vi sono vari tipi di cookie, alcuni per rendere più efficace l’uso del Sito, altri per abilitare determinate funzionalità.