CULTURA

Cosa facciamo?

Fare cultura e comunicazione su richiedenti asilo e rifugiati è come tentare di seminare per la società di domani. Per questo cerchiamo di condividere nelle scuole, nelle serate di sensibilizzazione e nelle pagine dei social network quello che viviamo ogni giorno con i migranti. Ma questo sforzo non basterà mai: abbiamo bisogno che tutti i cittadini si attivino per fare accoglienza e integrazione. Un primo modo è cominciare ad informarsi qui: http://centroastalli.it/category/news

La Nostra Storia

Leggi tutto...

News

sito5x100018

A.SCUOLE min

 La descrizione del servizio

RACCONTARE

Da oltre dieci anni il Centro Astalli Trento sceglie di impegnarsi nel lavoro di sensibilizzazione nelle scuole, per portare a un pubblico di giovani e giovanissimi una riflessione significativa sul tema dell’esilio e dell’accoglienza, in particolare attraverso la testimonianza di un rifugiato e l’ascolto della sua storia di vita. È questa l’essenza del progetto “Finestre - Storie di rifugiati”, rivolto a studenti delle scuole superiori e terze medie, a cui si aggiungono altre proposte: il gioco didattico “Ma che giro dell’oca!”, che invita gli studenti a mettersi nei panni di una persona in fuga lungo le tappe del suo viaggio; approfondimenti su tematiche specifiche legate alle migrazioni forzate; occasioni di incontro tra studenti e persone richiedenti asilo. Nella primavera del 2017 si è svolto un progetto pilota per le scuole elementari (in 5 classi dell’I.C. Giudicarie Esteriori e 4 classi dell’I.C. Levico Terme), che nell’anno scolastico successivo ha portato l’area scuola del Centro Astalli Trento ad aggiungere tra le sue proposte il “Progetto VaLì”.

Oltre a proporre una visione reale del fenomeno, attraverso numeri e statistiche, ognuna di queste proposte prova a scardinare pregiudizi e paure con la forza delle storie.

 

Il progetto avviato nel 2017

PROGETTO VALÌ: SI IMPARA DA PICCOLI...

A partire dall’anno scolastico 2017/2018, il Centro Astalli Trento propone alle classi quarte e quinte delle scuole primarie di primo grado il Progetto “VaLì - Valigie Migranti”, con l’obiettivo di offrire agli alunni alcuni elementi di conoscenza sul tema delle migrazioni forzate attraverso la narrazione di storie di vita. Così come il progetto “Finestre”, rivolto agli studenti di terza media e delle scuole superiori, anche nel progetto VaLì il cuore dell’intervento in classe è l’incontro con una persona rifugiata o richiedente asilo.

Dalla “valigia migrante” escono storie e oggetti che guidano i bambini in un percorso di apprendimento su un fenomeno complesso e articolato. Ascoltando le storie di alcuni personaggi che sono stati costretti a fuggire dal proprio Paese, gli alunni provano a mettersi nei loro panni: cercano i luoghi sul mappamondo, tracciano le rotte, riconoscono le cause della migrazione e immaginano cosa succede quando il viaggio si conclude.

In un secondo momento, gli alunni hanno la possibilità di dialogare con una persona rifugiata o richiedente asilo, che racconta loro la sua storia: la vita nel Paese d’origine, le motivazioni che l’hanno spinta a lasciare la sua terra, il viaggio e, infine, la sua vita in Trentino. Nel dialogo con i bambini, attraverso la loro curiosità e le loro domande, emerge il tema della diversità e della ricchezza che nasce dall’incontro con chi è diverso da noi; nella diversità ci sono anche tante piccole cose che ci accomunano - dalla passione per il calcio ai cibi preferiti - e un desiderio che unisce tutti: il sogno di una vita felice.

 

Perché “VaLì”?

  • Va li (hành lý) significa “valigia” in lingua vietnamita: un richiamo ai boat people e alle origini astalliane;
  • si può leggere anche in italiano come necessità di fuga, imperativo del verbo andare;
  • l’immagine della valigia richiama il tema del viaggio: durante l’incontro con i bambini dalla nostra valigia escono oggetti e storie…

 

Progetto Finestre

A.SCUOLE min

Leggi tutto...

Vignette Astalli

Il "Sito" (centroastallitrento.it) utilizza i Cookie per rendere i propri servizi semplici e efficienti per l’utenza che visiona le pagine di centroastallitrento.it. Gli utenti che visionano il Sito, vedranno inserite delle quantità minime di informazioni nei dispositivi in uso, che siano computer e periferiche mobili, in piccoli file di testo denominati “cookie” salvati nelle directory utilizzate dal browser web dell’Utente. Vi sono vari tipi di cookie, alcuni per rendere più efficace l’uso del Sito, altri per abilitare determinate funzionalità.