ABITARE

Cosa facciamo?

L’area accoglienza offre servizi essenziali alle persone, accompagnandole e sostenendole nel periodo di accoglienza in struttura. Ci proponiamo di creare occasioni utili alla maturazione di una quanto più completa autonomia attraverso l’interazione e l’integrazione con il vicinato e la cittadinanza, agevolando inoltre la conoscenza dei servizi e delle risorse presenti, disponibili e attivabili sul territorio.

Una comunità intera

uci copertina

Progetto Ordini Religiosi

casacombpng1

Accoglienza Missionari Comboniani

casadehpng1

Accoglienza Padri Dehoniani 

casafranc

Accoglienza Padri Cappuccini

 canossiane

Accoglienza Figlie della Carità-Canossiane

Iscriviti alla newsletter

 
 

 

Il progetto di Terze accoglienze è la risposta ad un bisogno legato alla limitatezza dei progetti di accoglienza ministeriali nei quali l’Associazione è impegnata. A Trento tutto ebbe inizio nel 1999, quando Padre Fantola diede vita alla prima esperienza di terza accoglienza, centrata sulla comunità e sulla presenza duratura dei migranti sul territorio. Nel 2016 il progetto ha preso forma, avviando numerosi progetti di accompagnamento all’autonomia a partire dalla Casetta Bianca. Nel 2016 è stato aperto l’alloggio Ca’ So.La.Re (Solidarietà, Lavoro e Relazioni), sito a Roncafort e che, fino ad oggi, ha accolto donne sole e nuclei monoparentali in uscita dai progetti ministeriali. Da ottobre 2018 è stata avviata una collaborazione con i Servizi Sociali dell’Area Inclusione del Comune di Trento che prevede l’ospitalità, presso l’alloggio di Ca’ So.La.Re, di due nuclei monoparentali vulnerabili, con l’obiettivo di accompagnarli gradualmente all’autonomia. Nell’alloggio Ca’stello, la Casa di Astalli a Mattarello si offre dal 2016 a quattro uomini lavoratori usciti dai progetti ministeriali la possibilità di una transizione più morbida verso l'autonomia. La collaborazione con alcune realtà del paese, aiuta i ragazzi di Mattarello ad entrare in sintonia con il territorio, andando oltre il semplice aspetto lavorativo e linguistico dell'integrazione, con l'opportunità di diventare parte integrante della Comunità. Nel 2016 dalla collaborazione dell’Associazione con il Centro di Salute Mentale di Trento e l’Area Inclusione del Comune stesso è nato in Casetta Bianca il progetto di Residenzialità Leggera, che prevede l’accoglienza di un rifugiato con disagio psichico con un convivente “accogliente” formato dal CSM e individuato dal Servizio Sociale, allo scopo di accompagnare il rifugiato verso un percorso di autonomia e convivenza con la malattia. La Casetta Bianca ha a disposizione 5 stanze singole per uomini lavoratori e un appartamento di terza accoglienza per un nucleo familiare vulnerabile di cinque membri. Nel dicembre 2017, un nucleo monoparentale composto dal padre e quattro figli che aveva terminato il progetto di accoglienza senza avere raggiunto una totale autonomia economica, è stato inserito presso questo appartamento, grazie anche alla collaborazione del Servizio Sociale dell’Area Inclusione del Comune di Trento. Nel 2018 sono nate altre esperienze di terza accoglienza grazie alla collaborazione con i Servizi Sociali dell’Area Inclusione del Comune di Trento: sono stati aperti due appartamenti per famiglie e nuclei monoparentali e un appartamento per uomini senza fissa dimora in attesa di un’occupazione lavorativa. La collaborazione con i Servizi Sociali ha arricchito il lavoro dell’Associazione nella costruzione di progetti personalizzati volti al raggiungimento della loro autonomia. Il 2018 è stato anche un anno di sperimentazione per le terze accoglienze, con l’accompagnamento di ricerca casa nel privato immobiliare per gli ospiti in uscita dagli alloggi. Sperimentazione possibile grazie alla presenza di Ambra , giovane in servizio civile presso il Centro Astalli. L’esperienza è stata molto positiva sia per l’accompagnamento alla ricerca casa sia per aver permesso ai ragazzi di apprendere gli strumenti per tale ricerca, utilizzando materiale online, colloqui, simulazioni e incontri con le agenzie immobiliari.

Il "Sito" (centroastallitrento.it) utilizza i Cookie per rendere i propri servizi semplici e efficienti per l’utenza che visiona le pagine di centroastallitrento.it. Gli utenti che visionano il Sito, vedranno inserite delle quantità minime di informazioni nei dispositivi in uso, che siano computer e periferiche mobili, in piccoli file di testo denominati “cookie” salvati nelle directory utilizzate dal browser web dell’Utente. Vi sono vari tipi di cookie, alcuni per rendere più efficace l’uso del Sito, altri per abilitare determinate funzionalità.