ABITARE

Cosa facciamo?

L’area accoglienza offre servizi essenziali alle persone, accompagnandole e sostenendole nel periodo di accoglienza in struttura. Ci proponiamo di creare occasioni utili alla maturazione di una quanto più completa autonomia attraverso l’interazione e l’integrazione con il vicinato e la cittadinanza, agevolando inoltre la conoscenza dei servizi e delle risorse presenti, disponibili e attivabili sul territorio.

Una comunità intera

uci copertina

Progetto Ordini Religiosi

casacombpng1

Accoglienza Missionari Comboniani

casadehpng1

Accoglienza Padri Dehoniani 

casafranc

Accoglienza Padri Cappuccini

 canossiane

Accoglienza Figlie della Carità-Canossiane

Iscriviti alla newsletter

 
 

 

Gli operatori dell’Area Accoglienza Valsugana del Centro Astalli Trento si occupano di seguire le persone richiedenti asilo e rifugiate ospitate all’interno del progetto di accoglienza straordinaria della Provincia Autonoma di Trento sul territorio dell’Alta Valsugana. Nel 2018 sono state accolte e accompagnate 45 persone tra uomini, donne e famiglie. L’equipe si confronta costantemente, condividendo informazioni, prassi operative, riflessioni, in modo tale da poter valutare con maggior respiro possibile i percorsi progettuali delle persone accolte, apportare migliorie e intraprendere eventuali cambiamenti. Nella quotidianità del loro lavoro accompagnano e orientano le persone richiedenti asilo e rifugiate nella loro vita sul territorio dell’Alta Valsugana, fungendo da raccordo tra loro e gli enti locali. Si occupano, inoltre, di attuare percorsi educativi volti ad una gestione efficace dell’alloggio, della convivenza e dei rapporti di vicinato. L'obiettivo finale è quello di costruire progetti individualizzati volti al raggiungimento di autonomie personali. Parte integrante del lavoro è accompagnare all’uscita le persone accolte. Quando il percorso è stato positivo e le persone hanno raggiunto una forte autonomia sia economica che personale, si cerca insieme un alloggio Nel corso del 2018 per far fronte a questo tipo di esigenze, supportati da alcuni volontari, è stato aperto uno sportello per la ricerca casa grazie al quale oggi 10 persone vivono in autonomia al di fuori dei progetti di accoglienza. Nel 2018 è stata ampliata la rete di volontari e di attori del territorio che vogliono essere parte attiva dell’accoglienza, cercando di dare risposta ai bisogni di inclusione, di comunità e di supporto emotivo delle persone richiedenti asilo e rifugiate presenti in Alta Valsugana. Questo rappresenta una parte fondamentale del lavoro, in quanto tessere relazioni con il territorio favorisce il processo di integrazione delle persone accolte. Durante l’esperienza all’interno del territorio dell’Alta Valsugana è stato possibile constatare come la prassi dell’accoglienza diffusa abbia portato ad un più veloce e fruttuoso inserimento delle persone nel tessuto sociale trentino. È stato riscontrato come la condizione che le persone hanno vissuto durante il percorso migratorio porti all'insorgere di problemi medici, tali da rendere necessaria la presa in carico dell’Azienda Sanitaria. Come operatori sociali si cerca quindi di facilitare il rapporto con le istituzioni sanitarie, favorendo una maggiore comunicazione e l'emersione di eventuali traumi subiti, così da rendere le persone consapevoli del funzionamento del sistema sanitario trentino.

Il "Sito" (centroastallitrento.it) utilizza i Cookie per rendere i propri servizi semplici e efficienti per l’utenza che visiona le pagine di centroastallitrento.it. Gli utenti che visionano il Sito, vedranno inserite delle quantità minime di informazioni nei dispositivi in uso, che siano computer e periferiche mobili, in piccoli file di testo denominati “cookie” salvati nelle directory utilizzate dal browser web dell’Utente. Vi sono vari tipi di cookie, alcuni per rendere più efficace l’uso del Sito, altri per abilitare determinate funzionalità.